it Italian
ar Arabiczh-TW Chinese (Traditional)en Englishfr Frenchit Italian
 Le sue parole “i poveri li avete sempre con voi” stanno a indicare anche questo: la loro presenza in mezzo a noi è costante, ma non deve indurre a un’abitudine che diventa indifferenza, bensì coinvolgere in una condivisione di vita che non ammette deleghe. I poveri non sono persone “esterne” alla comunità, ma fratelli e sorelle con cui condividere la sofferenza, per alleviare il loro disagio e l’emarginazione, perché venga loro restituita la dignità perduta e assicurata l’inclusione sociale necessaria. D’altronde, si sa che un gesto di beneficenza presuppone un benefattore e un beneficato, mentre la condivisione genera fratellanza. L’elemosina, è occasionale; la condivisione invece è duratura. La prima rischia di gratificare chi la compie e di umiliare chi la riceve; la seconda rafforza la solidarietà e pone le premesse necessarie per raggiungere la giustizia.

(Papa Francesco, Messaggio per la V Giornata Mondiale dei Poveri)

Centro Diurno Sr Giuseppina Nicoli

Offre spazi per l’ascolto, assistenza sanitaria e medicazioni semplici, lavanderia e docce. Un gruppo di volontari gestisce il servizio (al mattino apre dalle 8,30 alle 11.30 (dalle 12 è aperta la mensa di via Rolando) e nel pomeriggio dalle 14,30 alle 18.30, ora di apertura dell’Ostello maschile).

Il servizio nasce il primo giugno 2016 dal progetto cofinanziato dalla Caritas Italiana con i fondi dell’8×1000 che ha avuto come fine primario quello di creare relazione partendo dall’ascolto: il contatto giornaliero e continuativo, la “vicinanza” facilitata dai nuovi ambienti, i momenti di socializzazione (giochi di società, partita in tv ecc.) che favoriscono la conoscenza personale, l’amicizia e la creazione di un clima familiare. 

Il servizio è gestito dalle suore Figlie della carità

8.30-11.30 / 14.30-18.30 con accesso contingentato 2 persone volta (disposizioni per emergenza Covid19)

Se vuoi essere “guidato” al centro diurno dal tuo navigatore, clicca su “Visualizza mappa più grande”

Condividi questo articolo