it Italian
ar Arabiczh-TW Chinese (Traditional)en Englishfr Frenchit Italian

La sfida urgente di proteggere la nostra casa comune comprende la preoccupazione di unire tutta la famiglia umana nella ricerca di uno sviluppo sostenibile e integrale, poiché sappiamo che le cose possono cambiare. Il Creatore non ci abbandona, non fa mai marcia indietro nel suo progetto di amore, non si pente di averci creato. L’umanità ha ancora la capacità di collaborare per costruire la nostra casa comune. 

Papa Francesco, Laudato si’, 13

Preghiera apertura cammino sinodale

O Padre buono,
che nel tuo progetto di amore
vuoi ricondurre a Cristo tutte le tue creature,
infondi in noi il tuo Spirito Santo,
perché durante il cammino
del Sinodo e della Visita pastorale
possiamo amarti con tutto il cuore
ed amarci tra noi con cuore sincero e generoso.

Spirito Santo,
dono di Dio riversato nei nostri cuori,
rendici umili e sapienti,
perché lungo il cammino possiamo gustare
la gioia di nuove energie.
Nuove energie per ascoltare la tua Parola,
per riscoprire la grazia di popolo radunato
dall’unità del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo,
in cammino nella Chiesa turritana.
Nuove energie per ascoltarci tra noi,
per sperimentare un nuovo tempo di grazia:
la grazia della fede, la grazia della carità,
la grazia del perdono vicendevole,
la grazia di affrontare le sfide
e le voci del nostro tempo con gioia e serenità.

Spirito Santo, ridesta i nostri cuori,
perchè possiamo essere consapevoli e disponibili
ad annunciare il Vangelo di Cristo ad ogni creatura.
Spirito Santo, fuoco di amore che rinnova,
plasma pensieri, progetti ed azioni
perché possiamo agire con parole e gesti
che rendano l’annuncio attraente e facile per tutti.
Spirito Santo donaci di rigenerare e accrescere
la vita delle nostre comunità,
comunità segno vivo di una Chiesa-casa dalle porte aperte,
presenza di un cuore paterno e materno,
che opera libera e povera,
amorosissima verso tutti i suoi figli,
rispettosa, comprensiva e paziente nella missione.
Padre misericordioso, concedi a tutti i tuoi figli
che hai santificato con l’offerta del tuo unico Figlio,
Gesù Cristo nostro Signore,
di sentirsi chiamati a seguire grandi ideali
e ad essere discepoli missionari,
perché l’opera da te guidata e benedetta,
contribuisca a far sorgere da tutti i popoli
la crescita di una sola famiglia.

Santi Gavino, Proto e Gianuario,
la grazia del vostro martirio
ci ottenga il dono di celebrare l’Eucaristia
con rinnovata fede, consapevolezza e fervore
perché possiamo seguire le orme di Cristo,
annunciare la sua risurrezione
e giungere alla gioia del Banchetto eterno.
San Nicola, maestro di speranza e di unità,
donaci di splendere per la luce delle buone opere,
come artigiani di comunità cristiane,
artigiani di vita sociale
in un mondo segnato da violenze ed egoismi,
perché sappiamo orientare al buono e al bello
le risorse, le energie e le acquisizioni
provenienti da ogni esperienza dell’esistenza umana.
O Maria, Madre di Dio e Madre della Chiesa,
come lampada che porta luce
noi ti guardiamo e ti invochiamo,
illumina le nostre menti,
riscalda i nostri cuori,
accompagna il nostro cammino.
Amen.

 

Sassari, 17 ottobre 2021
Gian Franco Saba,
Arcivescovo Metropolita di Sassari

Condividi quest'articolo