it Italian
ar Arabiczh-TW Chinese (Traditional)en Englishfr Frenchit Italian

La Giornata Mondiale dei Poveri torna anche quest’anno come sana provocazione per aiutarci a riflettere sul nostro stile di vita e sulle tante povertà del momento presente.

Davanti ai poveri non si fa retorica, ma ci si rimbocca le maniche e si mette in pratica la fede attraverso il coinvolgimento diretto, che non può essere delegato a nessuno.

(Papa Francesco)

Le Diocesi sarde su Avvenire – 2022

Domenica 27 novembre 2022 il quotidiano Avvenire ospiterà uno speciale dedicato alle diocesi della Sardegna. In tutte le edicole e nella maggior parte delle parrocchie sarà possibile acquistare una copia che avrà al suo interno 12 pagine a cura dell’Ufficio regionale per le comunicazioni sociali della Conferenza episcopale sarda. Una pubblicazione realizzata grazie alla collaborazione tra gli Uffici per le comunicazioni sociali e i giornali diocesani della Sardegna. L’edizione è strutturata come un racconto a più voci, con il medesimo tema come fi lo conduttore: i luoghi di formazione e le iniziative formative avviate nelle diverse realtà dell’isola. Tra le eccellenze del territorio, ampio spazio sarà dedicato alla Facoltà teologica della Sardegna, che di recente ha inaugurato il nuovo anno accademico sotto la guida di un nuovo preside. Non mancheranno approfondimenti su specifici progetti di alta formazione, come ad esempio quello legato alla valorizzazione del turismo religioso reso possibile grazie a uno specifico protocollo d’intesa con la Regione Sardegna. Il progetto editoriale intende promuovere la diffusione del quotidiano cattolico nelle parrocchie, nelle famiglie, tra i gruppi e le associazioni. Ma non
solo. Sfogliando le pagine, i lettori potranno avere un panorama fatto di personaggi, luoghi ed eventi che caratterizzano la vita delle Chiese locali dell’isola: aspetto di fondamentale importanza in questo anno del cammino sinodale dedicato
all’ascolto. La pubblicazione nasce grazie a un lavoro di gruppo tra le realtà diocesane che arricchiscono il tessuto sardo dell’informazione. Anche quest’anno, verrà valorizzato l’aspetto «social» della comunicazione ecclesiale: in ogni pagina
sarà possibile trovare riferimenti ai canali diocesani nei principali social network, come Facebook, Instagram e dei social media come YouTube.

Condividi quest'articolo