it Italian
ar Arabiczh-TW Chinese (Traditional)en Englishfr Frenchit Italian
Siamo più soli che mai in questo mondo massificato che privilegia gli interessi individuali e indebolisce la dimensione comunitaria dell’esistenza. Aumentano piuttosto i mercati, dove le persone svolgono il ruolo di consumatori o di spettatori. L’avanzare di questo globalismo favorisce normalmente l’identità dei più forti che proteggono sé stessi, ma cerca di dissolvere le identità delle regioni più deboli e povere, rendendole più vulnerabili e dipendenti. In tal modo la politica diventa sempre più fragile di fronte ai poteri economici transnazionali che applicano il “divide et impera”.
Papa Francesco, Fratelli tutti n.12

Centro Servizi Diocesano

Servizio aperto dal lunedì al venerdì ore 9.30-11.30 in l.go Seminario 3.

Tel. 079 2021873
E-mail: caritasturritana@libero.it

I volontari assicurano a tutti coloro che lo chiedono indumenti in buono stato, viveri, materiale scolastico, prodotti per l’igiene personale e prodotti per l’infanzia.
Per poter ritirare il pacco viveri (ogni 15 giorni) le persone devono essere passate al Centro di Ascolto Diocesano (per italiani o immigrati).

Gli alimenti consegnati provengono dall’AGEA e dalle varie donazioni in particolare dalla Conad (tutti i giorni), dalle scuole e dalle Parrocchie.

N.b.: Oltre che donare abiti è importante donare dignità alle persone che aiutiamo: mettendoci nei panni delle persone in difficoltà ci renderemo conto che, nonostante la situazione di bisogno in cui si trovano, non meritano l’umiliazione di ricevere e dover indossare un abito sporco o rovinato. I volontari per motivi di tempo e forze non sono in grado di riparare, lavare e stirare nulla, così purtroppo sono costretti a buttare molti vestiti.

La conseguenza è un grande spreco sia di materiale, che di tempo e lavoro.

Questo tipo di servizio è presente in gran parte delle parrocchie della Diocesi.

Come puoi aiutarci

Se vuoi essere “guidato” al Centro Servizi dal tuo navigatore, clicca su “Visualizza mappa più grande”

Condividi quest'articolo