it Italian
ar Arabiczh-TW Chinese (Traditional)en Englishfr Frenchit Italian
Siamo più soli che mai in questo mondo massificato che privilegia gli interessi individuali e indebolisce la dimensione comunitaria dell’esistenza. Aumentano piuttosto i mercati, dove le persone svolgono il ruolo di consumatori o di spettatori. L’avanzare di questo globalismo favorisce normalmente l’identità dei più forti che proteggono sé stessi, ma cerca di dissolvere le identità delle regioni più deboli e povere, rendendole più vulnerabili e dipendenti. In tal modo la politica diventa sempre più fragile di fronte ai poteri economici transnazionali che applicano il “divide et impera”.
Papa Francesco, Fratelli tutti n.12

Dialogo fra generazioni, educazione e lavoro: strumenti per edificare una pace duratura

SEMINARIO IN OCCASIONE DEL MESSAGGIO PONTIFICIO PER LA GIORNATA MONDIALE DELLA PACE 2022
In diretta anche sul canale You Tube dell’Azione cattolica italiana

Interventi:

Educazione
Shahrzad Houshmand Zadeh
Docente alla Facoltà di studi orientali dell’Università La Sapienza e alla Pontificia Università Gregoriana

Lavoro
Stefano Tassinari- Vicepresidente nazionale vicario delle ACLI

Dialogo tra le generazioni
Paolo Beccegato-Vicedirettore vicario Caritas Italiana

Conclusioni
Giulio Alfano- Professore alla Facoltà di Filosofia e Delegato del Ciclo di studi in Scienze della pace e cooperazione internazionale della Pontificia Università Lateranense

Locandina-Seminario-Toniolo-2022

Data

Gen 21 2022
Expired!

Ora

18:00 - 20:00

0 risposte su “Dialogo fra generazioni, educazione e lavoro: strumenti per edificare una pace duratura”